Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
domenica 9 agosto 2020 ..:: Archivio » Valerio Castello. Genio moderno ::.. Registrazione  Login

VALERIO CASTELLO. GENIO MODERNO.

valerio castello.jpgCirca cento opere del grande pittore genovese che  si colloca, con Bernardo Strozzi, Giovanni Benedetto Castiglione detto il Grechetto e Alessandro Magnasco, nel novero dei genovesi piu’ celebri della storia dell’arte riunite per la prima volta e provenienti da chiese, collezioni private e numerosi musei italiani e stranieri.
La mostra celebra uno dei maggiori pittori genovesi del Seicento, rappresentato nel Museo di Palazzo Reale da un’importante volta affrescata raffigurante l’Allegoria della Fama e uno dei suoi capolavori, la tela con Il ratto di Proserpina. L’evento si inserisce in un programma espositivo di valorizzazione delle opere parte di Palazzo Reale e della sua quadreria. Valerio Castello si colloca, con Bernardo Strozzi, Giovanni Benedetto Castiglione detto il Grechetto e Alessandro Magnasco, nel novero dei genovesi piu’ celebri della storia dell’arte. Tuttavia, a differenza di questi grandi maestri, la sua figura non era stata ancora al centro di un evento espositivo in grado di avvicinarne l’opera al grande pubblico.
Continue del resto sono state negli anni le dimostrazioni di interesse internazionale per l’artista. Ne e’ un eloquente esempio la scelta, da parte della National Gallery di Londra, di promuovere Il ratto di Proserpina, sopra citato, a immagine guida della mostra del 2002, la prima dedicata dal prestigioso museo inglese all’arte genovese del Seicento. I motivi della fama di Valerio Castello vanno certamente cercati nel ruolo di profondo innovatore del panorama della pittura genovese che egli svolse. Soltanto una morte precocissima, all’età di trentaquattro anni, gli impedi’ di estendere oltre i confini locali la propria influenza e incidere sui percorsi dell’arte italiana, piu’ di quanto, malgrado tutto, non fece. Per valutare appieno la grande carica innovativa dell’artista occorre considerarlo alla luce del complicato processo evolutivo della pittura nel corso del XVII secolo, apertosi con un’immersione profonda nella realtà della vita e della natura, soprattutto ad opera di Caravaggio e dei suoi seguaci.
Ai pittori genovesi che aderirono al Naturalismo del primo Seicento e’ dedicata una sezione d’apertura della mostra, dove si trova anche una pala d’altare realizzata nel 1624, anno di nascita di Valerio, dal padre Bernardo Castello, pittore tanto colto quanto vincolato ad una raffigurazione di tipo ancora manierista. La visione antologica delle opere dei pittori della realtà offre un approccio di contrasto alle scelte che, contemporaneamente, andava operando il giovane Valerio, presto in una posizione di rottura con quella tradizione. In questo processo Valerio Castello si inseri’ in modo personale fino quasi ad apparire trasgressivo, in virtu’ di una personalità cosi’ spiccata da averlo visto prescindere completamente dall’esempio dei propri maestri: egli opero’ infatti, già negli anni della formazione, scelte talmente individuali da poter di fatto essere considerato un autodidatta.
Nel corso delle trasformazioni della pittura italiana, dal Naturalismo al Barocco, egli seppe recepire piu’ di altri la novità rappresentata dagli artisti di prospettive dipinte, ovvero i quadraturisti emiliani Agostino Mitelli, Andrea Sighizzi e Paolo Brozzi, attivi a Genova a metà del Seicento, elaborando una pittura aerea, dinamica, in consonanza con una nuova idea di spazio illimitato, scenografico, barocco. Seppe poi travasare nelle sue composizioni anche quella profonda sensibilità musicale destinata a divenire un aspetto decisamente peculiare del suo secolo. Nessuno come Valerio Castello seppe interpretare, attraverso la vivacità del ritmo compositivo e l’esuberante effervescenza coloristica, il sentimento nuovo di un’epoca che fu, allo stesso tempo, spaziale, teatrale e musicale. Se, data la portata innovativa della sua arte, il maestro genovese appare artista solitario, inaccessibile sul piano della stretta emulazione, i destini della pittura genovese rimasero cosi’ profondamente influenzati dalla sua esperienza artistica che, in seguito alla sua fulminea apparizione, nulla rimase come prima. Solo il trascorrere di diversi decenni consenti’ all’ambiente di metabolizzare tanta audacia espressiva, favorendo l’affermazione di artisti come Gregorio de Ferrari e, a chiusura del grande secolo della pittura genovese, di Alessandro Magnasco.
La rassegna comprende circa cento opere di Valerio Castello, riunite per la prima volta e provenienti da chiese, collezioni private e numerosi musei italiani e stranieri tra cui il Muse’e des Beaux-Arts di Nancy, il Museo Nacional del Prado di Madrid, lo Sze’pmüve’szeti Múzeum di Budapest, il Muse’e des Beaux-Arts di Nantes, il Muse’e National du Château di Compie’gne e l’Ermitage di San Pietroburgo.

16 febbraio 2008
Dal sito web http://www.eosarte.eu

Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation